Città dei Mestieri

La Città dei Mestieri si propone come spazio di raccolta delle informazioni disponibili nei vari campi dell'orientamento, della formazione e del lavoro, aperto a tutti (giovani e adulti, studenti o già in possesso di esperienze professionali, alla ricerca di un impiego o già occupati).
L'accesso è libero, gratuito, senza appuntamento e prevede la consultazione autonoma del materiale informativo, sia cartaceo (libri, schede sulle professioni, giornali, brochure, liste di indirizzi) che computerizzato (programmi di descrizione audio-visiva, questionari di autovalutazione, guide informatizzate). Viene inoltre messo a disposizione il consiglio di esperti nel settore della formazione, dell'orientamento scolastico e professionale e del lavoro, per supportare l'utente nella costruzione e definizione di un progetto formativo e/o lavorativo coerente con i propri bisogni e con le reali opportunità offerte dal mondo del lavoro.
 

Questo spazio, dove si realizza l'integrazione tra risorse e consulenza, deve essere:
  • multipubblico: aperto a chiunque, indipendentemente da fattori quali età, status, categoria socio-professionale e provenienza geografica;
  • multitematico: dedicato a tutti i settori di attività ed a tutte le questioni di ordine professionale;
  • multiuso: fondato sull'interazione tra consulenza, risorse, ed incontri con i professionisti;
  • pluripartenariale: voluta e sostenuta da più partner (operativi e finanziari);
  • incentrato sui fabbisogni del pubblico: secondo una logica di centralità della persona (ad esempio, anche con una adeguata organizzazione dello spazio, dei servizi e delle risorse);
  • accessibile liberamente: gratuito, senza previo appuntamento, privilegiando la modalità della consultazione individuale.
L’obiettivo primario di Città dei Mestieri non è quello di sostituirsi alle realtà già presenti sul territorio (servizi per l'impiego e l'orientamento, centri lavoro e altre associazioni pubbliche e private), ma di integrarsi con esse in maniera sinergica e complementare, proponendosi come spazio in cui l'utente possa trovare tutte le informazioni relative alle opportunità formative e professionali disponibili sul territorio ed avviarsi verso le istituzioni che le gestiscono.
Il criterio generale su cui si fonda è quello di osservare e rispondere al bisogno dell'utente, organizzando il servizio sulla base di "che cosa cerca la gente" piuttosto che partire da schemi prefissati; di stimolare l'utente alla riflessione sul proprio progetto di “carriera formativa e professionale”, attivandosi nella sua costruzione e definizione, ricercando le informazioni e le opportunità disponibili in maniera autonoma, accedendo ai relativi servizi in maniera libera e autogestita.


Le Città dei Mestieri in Italia

Milano, da gennaio 2001
Genova, da ottobre 2001
Treviso, da febbraio 2006
Roma
, da maggio 2009

Torino, da ottobre 2015


Le Città dei Mestieri italiane fanno parte della rete internazionale Réseau Cités des Métiers.