funzioni aziendali

area amministrazione & finanza

 

L’area Amministrazione e finanza cura la redazione dei Bilanci civilistici e fiscali, la contabilità generale e le attività di budgeting e controllo di gestione, oggi sempre più importanti e metodologicamente raffinate, che richiedono l’effettuazione di studi e verifiche sull’andamento aziendale, sui rapporti costi/ricavi a livello analitico e sui livelli di scostamento dai piani di gestione.
Il settore fiscale, negli anni, è diventato sempre più critico e complesso: come il controlling, non è più un ruolo puramente amministrativo, ma opera una vera consulenza interna ed è sempre più legato al business. Altre settore molto importante è quello della Revisione Interna, cioè delle attività di auditing, controllo e consulenza ai propri uffici amministrativi rispetto alla correttezza formale e sostanziale delle operazioni amministrative e gestionali, compiuta in anticipo o congiuntamente all’intervento di revisori esterni che devono certificare i bilanci delle aziende quotate in Borsa. Nel tempo, questo settore si è espanso da un controllo più formale ed amministrativo ad uno più “gestionale” ed organizzativo, che entra nel merito dei sistemi aziendali per verificare non solo la correttezza delle procedure ma anche la loro efficacia.
L’area della gestione finanziaria comprende invece le attività di Tesoreria, cioè di reperimento ed impiego dei fondi necessari alle attività correnti a breve termine, e la Pianificazione Finanziaria che riguarda da un lato lo studio delle strutture finanziarie ottimali per la società, e dall’altro l’impostazione di tutte le azioni di medio e lungo periodo necessarie per la loro realizzazione. Questo significa operare sui mercati azionari e obbligazionari, definire prestiti con le banche, studiare il livello ottimale di autofinanziamento anche rispetto alle esigenze degli azionisti, neutralizzare i rischi di cambio valuta e le oscillazioni dei mercati finanziari, e, in genere, cercare di operare sui prodotti finanziari per minimizzare gli oneri del costo del denaro, e, magari, guadagnare sulla gestione delle liquidità aziendali, stando sempre attenti che la struttura finanziaria di base si mantenga solida e flessibile.
Anche l’area legale-finanziaria è in espansione, in particolare per il ramo legato all’internazionalizzazione dei mercati e quindi alla conoscenza di tutte le norme e regole da seguire per gestire gli aspetti societari e finanziari nelle piazze estere. L’area legale in senso stretto, pur presente in ogni azienda, è di solito molto ristretta perché si usa spesso affidarsi prevalentemente a studi esterni, e lo stesso vale per l’area assicurativa, gestita in “partnership” con broker specializzati.
Quanto detto finora vale ovviamente per la funzione finanziaria nelle imprese.

Va sottolineato però che buona parte dei neolaureati appassionati di finanza entrano direttamente in aziende che fanno del credito e/o dei servizi finanziari il proprio business: banche, assicurazioni, SIM, società di gestione di fondi, factoring, leasing etc. Qui non esiste tanto, come ovvio, la “funzione” finanziaria, quanto una serie di specializzazioni che indirizzano su settori diversi.

 

Fonte: “Agenda del laureato", Rosa, G.B. (a cura di); ACTL (Associazione per la Cultura e il Tempo Libero), 2012

Questo settore offre numerose opportunità, e a volte anche molto remunerative, ma richiede una vocazione e una preparazione specifica, con una formazione molto mirata, da costruirsi durante l’università e spesso da perfezionarsi all’estero o in qualche istituzione di prestigio.
Alcune delle principali figure professionali che lavorano nell'area Amministrazione e finanza sono: l'Addetto alla contabilità (figura indispensabile in ogni impresa sia di grandi sia di piccole dimensioni) che si occupa di seguire, dal punto di vista documentale, le registrazione di ogni movimento contabile; il Risk manager che effettua con continuità l'analisi dei rischi al fine di ottimizzare il rapporto tra i costi di copertura dei rischi e i benefici sulle attività aziendali; il Responsabile del bilancio, che predispone il documento ufficiale sull'andamento economico dell'azienda; il Controller o responsabile del controllo di gestione che opera essenzialmente nei processi di contabilità analitica.