funzioni aziendali

area ricerca & sviluppo

 

L’area Ricerca & Sviluppo è preposta allo studio, alla formulazione, all’innovazione continua dei prodotti e dei processi aziendali. Si occupa di ricerche sui materiali, di invenzione di nuovi prodotti e tecnologie, e di progettazione e sviluppo di nuovi macchinari e processi di produzione, di analisi di nuove applicazioni e miglioramento di prodotti già esistenti. Solitamente, il ricercatore è affiancato, nel suo lavoro, da un lato dal marketing, che suggerisce e verifica le attese del mercato rispetto alle nuove scoperte o agli sviluppi dei prodotti esistenti, e dall’altro dalla produzione che controlla costi, fattibilità, concretezza delle sue analisi, che devono essere trasformabili in modo efficace in un prodotto vendibile. Oggi, la maggior parte dei ricercatori è impegnata a individuare e creare nuove nicchie di mercato con nuovi prodotti, o ridurre i costi di produzione o migliorare la qualità dei prodotti con innovazioni tecnologiche.
Per svolgere questa professione bisogna essere molto curiosi e creativi, oltre a possedere una buona capacità di comprensione dei reali obiettivi aziendali. Mentre una volta la carriera di ricercatore era molto specialistica, oggi anche per questa figura professionale si aprono nuove possibilità di carriere manageriali, attraverso una complessa attività di coordinamento di più progetti, o il passaggio ad altre funzioni come il marketing e la produzione.

Come è ovvio, per lavorare in quest’area aziendale occorre una laurea tecnica.

 

Fonte: “Agenda del laureato", Rosa, G.B. (a cura di); ACTL (Associazione per la Cultura e il Tempo Libero), 2012

 

I ruoli classici della Ricerca & Sviluppo sono il ricercatore ed il tecnologo. Si tratta di titoli intercambiabili, anche se spesso il tecnologo studia più gli aspetti di ricerca applicata e di industrializzazione, mentre il ricercatore si dedica più alla ricerca di base.