funzioni aziendali

area sistemi informativi o information technology

 

In questi ultimi anni, l’area dei Sistemi informativi (o “Information Technology”, come oggi si chiama) è stata oggetto di profonde rivoluzioni in quasi tutte le aziende. Sono scomparse quasi tutte le professionalità più povere, e si è assistito ad un diffuso “outsorcing” delle attività: le aziende, cioè, hanno ceduto a società esterne la gestione di buona parte dei propri sistemi, e spesso anche buona parte del personale, in quanto non riuscivano a generare al loro interno l’efficienza e lo sviluppo delle competenze indispensabili per tenere i ritmi velocissimi di evoluzione delle tecnologie e dei sistemi. Quindi, oggi, la maggioranza delle opportunità di assunzione in quest’ area è nelle società di consulenza o softwarehouse e non nelle aziende in cui i sistemi vanno implementati: tuttavia le aziende continuano anch’esse ad assumere, sia pure con parsimonia, non volendo lasciare totalmente a terzi la gestione di un’area così importante.
Il passaggio di personale da aziende-fornitori di sistemi, a aziende-clienti (e viceversa) è in ogni caso molto intenso. La principale differenza, tra lavorare in una funzione interna di Sistemi Informativi rispetto a una società di informatica, è che la prima manca spesso di quell’ anima “commerciale” che caratterizza la seconda, essendo il “cliente” costituito dalle altre funzioni aziendali; si fa però di solito un’esperienza più legata alla globalità dei problemi d’impresa.
In questa area possono essere incluse anche tutte le posizioni del “mondo web” (ad es. webmaster), nonché quelle, in rapido sviluppo, legate alle nuove tecnologie di trasmissione di terza generazione: si tratta di professionalità che spesso richiedono un mix di competenze tecnico-informatiche (in particolare la conoscenza di specifici linguaggi di programmazione) ma anche umanistiche, ed offrono numerose opportunità di ingresso; i problemi rischiano di venire in seguito, se le tecnologie o le aziende “passano di moda” e non si è abbastanza rapidi nell’orientarsi verso applicazioni più innovative. In questo settore operano sia le aziende proprietarie delle tecnologie medesime, sia le maggiori società di consulenza, sia una miriade di softwarehouse di medie e piccole dimensioni.

 

Fonte: “Agenda del laureato", Rosa, G.B. (a cura di); ACTL (Associazione per la Cultura e il Tempo Libero), 2012


 

All’interno dei Sistemi Informativi vi sono diversi ruoli. Alcuni richiedono quasi solamente competenze informatiche, in attività di ricerca sui vari hardware e software; altri, invece, affrontano tematiche organizzative, analizzando i problemi dei flussi informativi delle varie aree aziendali e pianificando la rete di conoscenze necessaria. Il ruolo del sistemista, come quello dell’analista-programmatore, è quindi stimolante quando si opera in aree innovative, sia in termini di linguaggi e strumenti informatici, sia in termini di strategie aziendali. I ruoli oggi in crescita sono quelli di “project manager”, in cui bisogna unire le competenze tecniche con quelle organizzative, di conduzione di un team di lavoro e di gestione di un cliente.