Nuovi adempimenti per i disoccupati e le politiche attive del lavoro

Con il JOB ACT e la CIRCOLARE 447565 dell'11/12/2015 di Regione Lombardia sono state introdotte nuove norme in materia di "Dichiarazione di Immediata Disponibilità al Lavoro (DID)" per cittadini disoccupati. Le nuove norme considerano disoccupati "i lavoratori privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro".
20 luglio 2017

Nello specifico:

  • I disoccupati non percettori di sostegno al reddito, che dichiarano per la prima volta il proprio stato di disoccupazione, devono rilasciare la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al Lavoro (DID) autonomamente o con il supporto di un operatore accreditato ai servizi al lavoro, attraverso il sistema informativo regionale al link http://gefo.servizirl.it/dote -- scarica le istruzioni --
  • I disoccupati non percettori di sostegno al reddito, che hanno rilasciato prima del 24/9/2015 la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al Lavoro (DID), devono aggiornare/inserire la data di rilascio autonomamente o con il supporto di un operatore accreditato ai servizi al lavoro, attraverso il sistema informativo regionale al link http://gefo.servizirl.it/dote -- scarica le istruzioni --
 
  • I beneficiari di strumenti di sostegno al reddito devono inserire, attraverso il sistema informativo regionale al link http://gefo.servizirl.it/dote, la data della domanda di richiesta del sussidio presentata all'INPS, che equivale alla dichiarazione di immediata disponibilità, autonomamente o con il supporto di un operatore accreditato ai servizi al lavoro. Istruzioni NASPI

Una volta effettuata la registrazione on line, il disoccupato dovrà contattare l'operatore scelto per stipulare il Patto di Servizio Personalizzato (PSP) che definisce le modalità di partecipazione ad attività utili all'accompagnamento verso nuove opportunità lavorative. Il cittadino dovrà contattare l'operatore entro 15 giorni dalla data di presentazione della domanda di sussidio all'INPS se beneficiario di sostegno al reddito; entro 30 giorni dalla data di registrazione per i disoccupati non percettori di sussidio.

Successivamente alla stipula del Patto di Servizio Personalizzato (PSP), il disoccupato dovrà seguire il percorso definito con l'operatore. Qualora ciò non accadesse senza giustificato motivo, verranno applicate le sanzioni come previste dalla normativa in vigore.

Tutte le norme e procedure sopra descritte si applicano anche alle persone con disabilità che intendono avvalersi dei servizi del collocamento mirato, previsti dalla L 68/99.

L'introduzione della nuova normativa comporta inoltre che per accedere a prestazioni di carattere sociale (es. ASL, Aler, ecc.) previste da norme nazionali, regionali e comunali, non venga più prodotto lo stato occupazionale - pertanto non è più contemplata la presentazione della Dichiarazione di Immediata Disponibilità al Lavoro (DID) - bensì la condizione di non occupazione, autocertificata dall'interessato.

Materiali:

Documenti:

  • D. Lgs. N.150 del 23 settembre 2015 "Disposizioni per il riordino della normativa in materia di servizi per il lavoro e di politiche attive".
  • Circolare Regione Lombardia prot. E1.2015.0447567 del 11/12/2015 "Prime indicazioni sulla Dichiarazione di immediata Disponibilità al lavoro, stipula del Patto di Servizio Personalizzato e accesso alle politiche attive del lavoro in Lombardia".
  • Circolare INPS N.94 del 12 maggio 2015 Articoli 1 - 14 Decreto Legislativo 4 marzo 2015 n. 22 "Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183". Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI). Istruzioni contabili. Variazioni al piano dei conti.


Fonte: AFOL Sud Milano- Centro per l'Impiego