innovazione tecnologica

Viale Sarca, Milano. Dove una volta c’era la Società Italiana Ernesto Breda per Costruzioni Meccaniche ora ci sono un ateneo e il Bicocca Village, un villaggio di negozi, pizzerie, ristoranti e sale cinematografiche.

Nel comune confinante, quello di Sesto San Giovanni, le ferriere Falck non producono più acciaio da tempo, e c’è un piano di riqualificazione che aspetta di diventare realtà. E poi la Magneti-Marelli, che ha fatto spazio alla sede distaccata dell’Università Statale di Milano  e ai palazzi dei grandi gruppi internazionali: Medtronic, Abb, Wind.

L’ossatura industriale di Milano e dintorni, nata sull’onda dell’innovazione tecnologica, con l’innovazione tecnologica ha cambiato forma e sostanza e in alcuni casi perfino città. Oggi combatte contro la recessione, che ha causato una vera e propria emorragia di posti di lavoro. Ma, a conti fatti, esiste e pulsa ancora.

“La chiave di tutte le scienze è
il punto di domanda.
Dobbiamo la maggior parte
di tutte le scoperte al ‘come?’
e la saggezza nella vita
consiste forse nel chiedersi,
a qualunque proposito, ‘perché?’
Honoré de Balzac