settori professionali

spettacolo

pdf 


scarica il pdf

Settore
Il settore dello spettacolo comprende l’insieme di attività relative a tutte le fasi di realizzazione di opere di intrattenimento, attraverso l’utilizzo dei differenti canali di comunicazione/rappresentazione (cinema, televisione, radio, teatro… ).

Ambiti di attività
Gli ambiti di attività del settore possono essere identificati in base allo strumento (canale) utilizzato per la rappresentazione del prodotto finale:

 
  • cinema: produzione, distribuzione e proiezione di film o prodotti audiovisivi;
  • televisione: produzione di contenuti la cui diffusione visiva e sonora avviene in tempo reale o in differita;
  • radio: produzione di contenuti sonori in tempo reale o differita;
  • spettacoli dal vivo: la prosa, l’opera, la danza, i concerti musicali e simili. Si tratta di una tipologia di rappresentazione la cui produzione e consumo avvengono contemporaneamente, attraverso il diretto contatto con il pubblico;
  • fotografia: stabilizzazione di immagini attraverso l’utilizzo di supporti analogici o digitali. In campo televisivo o cinematografico la fotografia svolge un ruolo di primo piano nella fase di produzione dell’opera visiva o audiovisiva.
Generalmente, per la realizzazione di prodotti audiovisivi, si individuano tre fasi:
  • la pre-produzione: ideazione, progettazione, definizione del budget, pianificazione artistica, tecnica e logistica;
  • la produzione: realizzazione esecutiva del progetto;
  • la post-produzione: trattamento finale dell’opera per rendere il prodotto pronto alla distribuzione.
Negli spettacoli dal vivo esistono solamente due fasi: la pre-produzione e la produzione (rappresentazione dal vivo del progetto). Non può essere logicamente contemplata una fase di post-produzione. Molti spettacoli dal vivo possono però essere registrati e divenire a loro volta prodotti audiovisivi destinati ad un pubblico più vasto (registrazioni per la televisione, cd, dvd…).

Competenze
Nel settore dello spettacolo possiamo individuare profili professionali che vanno dall’attore, dallo sceneggiatore e dal regista per arrivare alle figure tecniche che si occupano degli allestimenti e delle fasi di post-produzione.
Per lavorare in questo settore (a qualsiasi livello), è necessario essere in possesso di capacità comunicative, di propensione all’innovazione e creatività. Inoltre, trattandosi di realizzazioni dedicate a un pubblico più o meno vasto è importante lavorare orientati alle esigenze dei potenziali spettatori o ascoltatori (orientamento al cliente/utente). 
Oltre a queste competenze di base comuni, ciascuna figura professionale dell’area deve possedere proprie specifiche competenze tecniche e saper utilizzare adeguati strumenti di lavoro.

Settori affini
I settori che si possono considerare affini allo spettacolo sono il settore dei beni culturali, il settore della comunicazione e il settore informatica & telecomunicazioni.
 
 

consulta le professioni del settore

 

Il “tasso di fruizione” delle diverse forme di spettacolo vede la televisione di gran lunga in testa come il canale più utilizzato dal pubblico. Gli spettacoli dal vivo (spettacoli musicali e teatrali) sono molto indietro, anche se la bassa percentuale deve essere valutata anche  tenendo conto che spesso si tratta di spettacoli a pagamento.
Il cinema, pur con oscillazioni annuali in più o in meno, rimane in una posizione intermedia (circa il 50% degli italiani lo utilizza come canale di intrattenimento).
Malgrado ciò, è importante evidenziare come la maggior parte dei lavoratori dello spettacolo sia occupato nell’area degli spettacoli dal vivo.