Diploma

Ottico

Posted 6 mesi ago

Descrizione

L’ottico è la figura professionale che si occupa di realizzare occhiali sulla base della prescrizione del medico oculista e di adattarli al cliente, scegliendo per lui le lenti più adatte e informandolo sul corretto uso e sulla loro manutenzione.

Cosa fa

  • Vende occhiali, lenti a contatto e accessori (astucci, prodotti per la manutenzione e la pulizia ecc.)
  • Tiene i rapporti con i fornitori, dai quali ordina lenti, montature e lenti a contatto
  • Misura la vista con appositi strumenti
  • Suggerisce le montature più adatte alla fisionomia del viso dei clienti
  • Suggerisce il tipo di lenti a contatto (morbide, rigide, semirigide, ecc.) più adatte al difetto visivo da correggere
  • Informa sulle caratteristiche tecniche dei vari tipi di lenti e sul loro corretto uso
  • Verifica che le diottrie corrispondano alla prescrizione medica
  • Taglia, smeriglia e inserisce le lenti nelle montature e adatta gli occhiali al cliente
  • Ripara o sostituisce montature difettose o danneggiate
  • Controlla le forniture, il magazzino e gestisce lo schedario della clientela.

Competenze tecniche

  • Conoscenza di una o più lingue straniere (per l’aggiornamento tecnico-scientifico e commerciale)
  • Conoscenza dell’ottica e dell’optometria
  • Conoscenza della contattologia e dell’oftalmica
  • Conoscenza dei principi di base della chimica e della fisica
  • Conoscenza delle norme giuridiche, sanitarie e commerciali che regolano l’esercizio della professione di ottico
  • Conoscenza delle caratteristiche tecniche degli strumenti ottici
  • Capacità di utilizzare le apparecchiature per la misurazione e la correzione dei difetti della vista
  • Capacità di individuare le montature più adatte alla fisionomia del viso
  • Capacità di identificare il tipo di lenti a contatto (morbide, rigide, semirigide, ecc.) più adatte al difetto visivo da correggere
  • Capacità di informare il cliente sulle caratteristiche tecniche dei vari tipi di lenti e sul loro corretto utilizzo
  • Capacità di utilizzare macchinari per il taglio e la smerigliatura delle lenti
  • Capacità di effettuare riparazioni o sostituzioni di montature difettose o danneggiate.

Competenze trasversali 

  • Capacità organizzative
  • Capacità di ascolto
  • Capacità relazionali (empatia)
  • Capacità di sintesi
  • Raccolta e gestione delle informazioni
  • Orientamento al cliente/utente
  • Autonomia

Caratteristiche personali e attitudini

  • Manualità
  • Precisione
  • Propensione all’ aggiornamento

Inquadramento

  • Lavoratore dipendente
  • Libero professionista

Classificazione su tassonomie standard

  • ISTAT: OTTICO

Formazione

Per svolgere la professione di ottico è necessario possedere il diploma o la licenza di Ottico, che si ottengono superando l’esame di abilitazione. Il diploma di Ottico si consegue frequentando un corso quinquennale di istruzione superiore specifico per Ottici; dopo i primi tre anni di formazione si acquisisce la qualifica di Operatore ottico. La licenza di Ottico viene invece rilasciata al termine di specifici corsi biennali postdiploma, oppure di corsi triennali, nel caso in cui lo studente abbia già superato un biennio di scuola superiore. 
Per una migliore preparazione è possibile conseguire la laurea triennale in Ottica e Optometria.
In ogni caso, per l’esercizio della professione, è necessario superare l’esame di Stato che abilita all’esercizio della professione e consente l’iscrizione all’Albo professionale.

Come e dove lavora

L’ottico svolge la sua professione generalmente da libero professionista, come titolare di un negozio di ottica, oppure come lavoratore dipendente all’interno di punti vendita di ottica, in aziende di strumentazione ottica o in laboratori di montaggio di lenti. 
Può lavorare anche all’interno di strutture sanitarie pubbliche o private (ASL e reparti di oculistica di ospedali) collaborando con medici oculisti.

Varieta’ delle attivita’

  • Media

Integrazione

  • Lavora prevalentemente in team

Grado di responsabilità 

  • MEDIO/ALTA

Grado di autonomia

  • Autonomia rispetto al contenuto del lavoro: Media
  • Autonomia rispetto alle modalità  di esecuzione: Alta
  • Autonomia rispetto ai tempi di lavorazione: Media

Mobilità  e trasferta

  • No