Qualifica Professionale

Stilista di moda sostenibile

Posted 10 mesi ago

Descrizione

Lo stilista di moda sostenibile è la figura professionale che si occupa di ideare nuove collezioni, in coerenza con le linee strategiche dell’azienda e con le tendenze del momento, ma anche anticipando i bisogni del mercato; si differenzia dallo stilista “classico” perché agisce sempre in un’ottica di sostenibilità, coniugando l’estetica con il rispetto dell’ambiente e dei diritti umani.

Cosa fa

  • Idea collezioni di abbigliamento, calzature e accessori, partendo dagli input dell’ufficio marketing e dai suggerimenti dei cool-hunter, dai quali raccoglie le informazioni necessarie sulle tendenze e i bisogni del momento
  • Crea i bozzetti, disegna, elabora e realizza i modelli
  • Indica i colori, i tessuti e i materiali più adatti per ogni capo e a minor impatto ambientale possibile
  • Analizza le proposte dei fornitori di materie prime e accessori
  • Sceglie tessuti e filati di origine certificata, creati senza sfruttare le popolazioni che li producono, che provengono da piantagioni biologiche a impatto ridotto (per la cui produzione non sono stati usati prodotti inquinanti)
  • Controlla e seleziona i prototipi, assicurandosi che corrispondano al disegno originale
  • Collabora all’individuazione delle strategie di lancio della collezione o delle singole linee prodotte
  • Valuta il grado di eco-sostenibilità di un capo o dell’intera collezione realizzata
  • Si tiene continuamente aggiornato sul fronte della sostenibilità, per quanto riguarda i colori e i tessuti ecologici, soprattutto nel settore della chimica verde
  • Promuove progetti di cooperazione

Competenze tecniche

  • Conoscenza del campo della sostenibilità
  • Conoscenza della provenienza dei materiali utilizzati e delle loro modalità di produzione
  • Conoscenza delle tecnologie dei materiali e dei processi di lavorazione, in particolare delle tecniche di taglio e confezionamento
  • Conoscenza dei principi del marketing
  • Capacità di individuare le tendenze socio-culturali del momento, per identificare gli stili che creano il valore aggiunto dei prodotti
  • Capacità di anticipare i bisogni delle varie tipologie di clienti
  • Capacità di stabilire la fattibilità o meno di un’intuizione creativa per trasformarla in capi da produrre in serie
  • Capacità di utilizzare software di design e progettazione
  • Capacità di scegliere i materiali da utilizzare non solo secondo canoni estetici, ma anche in base al grado di sostenibilità del loro ciclo produttivo
  • Capacità di applicare criteri di valutazione estetica e di sostenibilità dei singoli capi e delle intere collezioni
  • Capacità di sostenere progetti di cooperazione

Competenze trasversali

  • Capacità comunicative (scritto e/o orale)
  • Orientamento ai risultati
  • Capacità relazionali (empatia)
  • Capacità di costruire reti relazionali
  • Orientamento al cliente/utente
  • Capacità di leadership

Caratteristiche personali e attitudini

  • Propensione all’ innovazione
  • Autocontrollo/resistenza allo stress
  • Propensione all’ aggiornamento
  • Creatività

Inquadramento

  • Lavoratore autonomo
  • Lavoratore dipendente

Titolo di studio

  • Qualifica professionale

Formazione

Per svolgere la professione di stilista di moda sostenibile è sufficiente possedere la licenza media. Il percorso formativo ideale prevede il conseguimento del diploma di scuola superiore e una successiva specializzazione, che può articolarsi verso vari indirizzi: maglieria, pelletteria, prêt-à-porter. In realtà, data la natura artigianale e artistica della professione, la formazione avviene soprattutto negli atelier o all’interno degli uffici stile delle singole aziende.

Come e dove lavora

Lo stilista di moda sostenibile svolge la sua professione in aziende del settore moda (soprattutto in quelle sensibili alla tematica della sostenibilità ambientale, che spesso hanno al loro interno un settore “eco”), in cui può essere un dipendente oppure il proprietario; in quest’ultimo caso egli indica le linee guida in termini di immagine e stile e coordina un’équipe di stilisti. Può operare come free-lance per più aziende, oppure in esclusiva per un unico marchio. Incarichi di una certa rilevanza professionale vengono assunti, in genere, dopo un periodo di tirocinio più o meno lungo.

Varietà delle attività

  • Alta

Integrazione

  • Lavora prevalentemente in team

Grado di responsabilità

Alta

Grado di autonomia

  • Autonomia rispetto al contenuto del lavoro: Alta
  • Autonomia rispetto alle modalità  di esecuzione: Alta
  • Autonomia rispetto ai tempi di lavorazione: Bassa

Mobilità e trasferta

si