Diploma

Risk manager

Posted 11 mesi ago

Descrizione

Il risk manager è la figura professionale che, all’interno di un’azienda, si occupa di prevenire e gestire ogni tipo di rischio che possa avere ripercussioni sui bilanci e sull’immagine aziendale.

Cosa fa

  • Analizza l’organizzazione in tutti i suoi aspetti e il contesto che la circonda
  • Identifica i rischi, in diverse aree riguardanti l’azienda (responsabilità civile, inquinamento, funzionamento delle macchine e dei sistemi di produzione, affidabilità dei sistemi informatici, persone, ecc.)
  • Evidenzia le potenziali minacce (anche quelle meno visibili o con minori possibilità di evenienza)
  • Studia le cause di eventuali sinistri e valuta il rapporto tra l’esposizione ai rischi e le spese per la copertura
  • Valuta l’impatto potenziale sull’impresa nel caso in cui un rischio si trasformi in evento negativo
  • Calcola la probabilità di evenienza del rischio (da bassissima a quasi certa)
  • Calcola le potenziali dimensioni dell’impatto (da irrilevante a catastrofico)
    determina le priorità di intervento
  • Ottimizza il rapporto tra i costi di copertura dei rischi e i benefici sulle attività aziendali
  • Decide come gestire i rischi (assunzione del rischio, trasferimento del rischio a terzi, finanziamento del rischio attraverso forme varie di autoassicurazione, ecc.)
  • Sceglie le soluzioni assicurative più idonee

Competenze tecniche

  • Conoscenza dei sistemi di produzione utilizzati in azienda
  • Conoscenza della scienza dei materiali
  • Conoscenza delle fasi di manutenzione dei macchinari utilizzati in azienda
  • Conoscenza delle caratteristiche di ogni reparto aiendale
  • Conoscenza delle procedure amministrative
  • Conoscenza dei prodotti assicurativi
  • Capacità di applicare tecniche di previsioni econometri che
  • Capacità di effettuare analisi probabilistiche
  • Capacità di interpretare andamenti statistici
  • Capacità di effettuare valutazioni costi/benefici

Competenze trasversali

  • Capacità organizzative
  • Orientamento ai risultati
  • Capacità di gestione del rischio
  • Capacità di risoluzione dei problemi
  • Capacità di analisi
  • Raccolta e gestione delle informazioni

Caratteristiche personali e attitudini

  • Autocontrollo/resistenza allo stress
  • Precisione
  • Propensione all’ aggiornamento
  • Riservatezza

Inquadramento

  • Lavoratore autonomo
  • Lavoratore dipendente

Classificazione su tassonomie standard

  • ISTAT: RISK MANAGER

Formazione

Per svolgere la professione di risk manager è sufficiente possedere un diploma di scuola superiore a indirizzo economico, tuttavia è preferibile conseguire una laurea tra le seguenti:

  • Scienze dell’economia e della gestione aziendale (Classe L-18)
  • Scienze economiche (Classe L-33)
  • Finanza (Classe LM-16)
  • Ingegneria gestionale  (Classe LM-31)
  • Scienze dell’economia  (Classe LM-56)
  • Scienze economico-aziendali  (Classe LM-77)
  • Scienze statistiche attuariali e finanziarie (Classe LM-83).

Può essere utile anche un master post laurea specifico in risk management e/o uno stage in azienda, preferibilmente assicurativa.

Come e dove lavora

Il risk manager svolge la sua professione come dipendente all’interno di grandi aziende, in collaborazione con i responsabili della produzione, del marketing, della logistica e delle vendite, per analizzare in dettaglio ogni fase dell’attività e identificare i possibili passaggi critici.
Può lavorare anche in modo autonomo, in qualità di consulente esterno esperto in risk management.

Varieta’ delle attivita’

  • Media

Integrazione

  • Lavora prevalentemente in team
  • Lavora inserito in più team

Grado di responsabilità 

  • ALTA

Grado di autonomia

  • Autonomia rispetto al contenuto del lavoro: Alta
  • Autonomia rispetto alle modalità  di esecuzione: Alta
  • Autonomia rispetto ai tempi di lavorazione: Media

Mobilità  e trasferta

  • No