Diploma

Tecnico manutentore delle risorse idriche e infrastrutture connesse

Posted 12 mesi ago

Descrizione

Il Tecnico manutentore delle risorse idriche e delle infrastrutture connesse è la figura professionale che gestisce e coordina squadre di operatori che eseguono lavori per: realizzare interventi strutturali e non strutturali; mantenere, sorvegliare o ripristinare opere, impianti, infrastrutture idriche; condurre, gestire o verificare l’esercizio di impianti.

Cosa fa

  • Gestisce i lavori relativi ai prelievi idrici, alle derivazioni idriche dei corsi d’acqua, alle captazioni sorgentizie, all’installazione e verifica dei contatori per il consumo dell’acqua, alle attività di svaso, sghiaiamento degli invasi artificiali.
  • Contribuisce alla realizzazione di impianti di depurazione di reflui e all’adeguamento delle reti fognarie.
  • Cura la conduzione di impianti di sollevamento, organi di dighe e di traverse, organi di scarico, e di impianti di riciclo delle acque reflue.
  • Organizza le attività di sorveglianza di laghi.
  • Organizza le attività di prevenzione e tutela dell’ecosistema acquatico, delle attività di pesca e delle risorse idriche invasate.
  • Programma interventi di miglioramento del suolo e cura la manutenzione delle reti di adduzione e di distribuzione delle acque.
  • Provvede al trattamento fisico, chimico, all’affinazione e la disinfezione di acque superficiali destinate alla produzione di acqua potabile.
  • Cura lo smaltimento ecocompatibile di materiale derivante da attività di scavo e di estrazioni litoidi.
  • Cura il ripristino dei luoghi di balneazione.

Competenze tecniche

  • Conoscenza di base dei fondamenti di fisica, chimica, topografica, geologia, biologia, geometria, informatica, idraulica, elettrotecnica, ecologia
  • Conoscenza della normativa di riferimento del settore di competenza
  • Conoscenza dei fondamenti di logistica e di organizzazione d’impresa
  • Conoscenza e capacità di utilizzare metodi e tecniche di misura, monitoraggio, telerilevamento

Competenze trasversali

  • Capacità organizzative
  • Orientamento ai risultati
  • Cooperazione e lavoro di gruppo
  • Capacità di risoluzione dei problemi
  • Capacità di analisi
  • Capacità relazionali (empatia)
  • Autonomia

Caratteristiche personali e attitudini

  • Spirito d’iniziativa
  • Manualità
  • Precisione
  • Propensione all’ aggiornamento
  • Resistenza fisica

Inquadramento

  • Lavoratore dipendente
  • Lavoratore parasubordinato
  • Libero professionista

Classificazione su tassonomie standard 

  • ISTAT:

Formazione

Per svolgere la professione di Tecnico manutentore delle risorse idriche e delle infrastrutture connesse è sufficiente possedere il diploma di scuola superiore. Per chi vuole proseguire gli studi a livello universitario, può essere utile in conseguimento di una laurea tra le seguenti:

  • Ingegneria civile e ambientale (Classe L-7)
  • Scienze e tecniche dell’edilizia (Classe L-23)
  • Ingegneria civile (Classe LM-23)
  • Ingegneria dei sistemi edilizi (Classe LM-24)
  • Ingegneria per l’ambiente e il territorio (Classe LM-35)

Come e dove lavora

Il Tecnico manutentore delle risorse idriche e delle infrastrutture connesse trova impiego presso all’interno di società che si occupano di costruire strutture che prevedono l’utilizzo di acqua o presso enti pubblici come Regioni, Province, Comuni e ASL.
Può essere inquadrato come dipendente (negli enti pubblici viene assunto tramite concorso) oppure può lavorare in modo autonomo come titolare di un’impresa di trattamento delle acque.

Varieta’ delle attivita’

  • Media

Integrazione

  • Lavora prevalentemente in team

Grado di responsabilità 

  • ALTA

Grado di autonomia

  • Autonomia rispetto al contenuto del lavoro: Alta
  • Autonomia rispetto alle modalità  di esecuzione: Media
  • Autonomia rispetto ai tempi di lavorazione: Media

Mobilità  e trasferta

  • Si